alza il braccio che si sleccazzo l’ascella

[G. Cattoi, alla supplente di ginnastica]